Riorganizzare la casa al meglio grazie al decluttering

31.08.2020
-

Decluttering, letteralmente “riordinare, fare spazio”. È proprio questo l’obiettivo principale di questa operazione, anche se non il solo. Il decluttering è un modo, sempre più diffuso, per fare ordine non solo in casa, ma anche nella propria routine giornaliera, nella propria mente, addirittura nella propria esistenza. Per qualcuno infatti il decluttering è una vera e propria filosofia di vita che consiste – per spiegarlo in modo molto sintetico – nell’eliminare le questioni in sospeso, nel liberarsi in qualche modo del passato, nel togliere il superfluo e fare spazio per accogliere al meglio le novità e muoversi più liberamente e serenamente nel presente. Tutto questo può iniziare semplicemente riordinando casa: vediamo come.

Decluttering: da dove iniziare

Il decluttering domestico, in sintesi, consiste in una serie di attività che permettono di individuare le cose che conserviamo in casa, valutare cosa ci serve e in quale misura e cosa invece non ci serve, eliminare quindi l’inutile e riporre in modo logico e sensato quello che intendiamo tenere. Per compiere un’adeguata operazione di decluttering è bene procedere per step:

  1. Individuare uno spazio della casa
    Partiamo da una singola stanza o meglio da un armadio o magari da un solo cassetto: più piccolo sarà il lavoro, meno risulterà faticoso e quindi una volta finito avremo voglia di andare avanti.
  2. Svuotare
    Da quell’armadio o cassetto tiriamo fuori tutto, magari ripuliamo la superficie e spolveriamo gli oggetti se necessario e disponiamoli su un’area abbastanza ampia, magari su un tavolo o sul letto, in modo che siano ben visibili
  3. Valutare e selezionare
    A questo punto arriva la parte forse più difficile ossia valutare cosa ci serve davvero, cosa non usiamo, cosa usiamo poco.
  4. Eliminare il superfluo
    Togliamo le cose inutilizzate e dividiamole in contenitori diversi a seconda che vadano buttate, regalate o magari vendute. Riconoscere il superfluo può essere particolarmente complesso perché magari tendiamo a voler conservate tutto, perché ci illudiamo che qualcosa possa tornarci utile in futuro ma non è così, perché un oggetto inutilizzato ci è costato molto soldi e liberarcene ci fa quindi sentire in colpa: dedichiamo quindi il giusto tempo e la giusta attenzione a questa operazione.
  5. Riporre in modo sensato e funzionale
    Siamo quasi alla fine: possiamo rimettere a posto il resto, ma non necessariamente nello stesso modo in cui lo abbiamo trovato. Diamo invece, se necessario, un ordine nuovo, più logico e funzionale, in base a due criteri: quello del minore e maggiore utilizzo e quello della funzionalità. Le cose più utilizzate andranno riposte in posizioni più accessibili e comode, gli oggetti con funzioni simili andranno messi vicini tra di loro. Quello che utilizziamo solo occasionalmente potrà andare invece nei posti più scomodi e magari, per ritrovare più facilmente qualcosa quando la cerchiamo possiamo suddividere in scatole, ceste e contenitori vari e porre in vista delle etichette che ne indichino il contenuto.

Decluttering, stile di vita

Una volta iniziato sarà più semplice andare avanti e pian piano sistemare, con la stessa tecnica, tutta la casa. Fondamentale sarà poi mantenere lo stesso ordine anche per il futuro ed evitare di ricominciare ad accumulare oggetti inutili. Per fare questo mantenete la stessa sistemazione degli oggetti che avete previsto al momento della prima ricognizione e continuate a dedicare del tempo al decluttering, anche solo 5 minuti al giorno o mezz’ora a settimana, sempre concentrandovi solo su un piccolo spazio per volta.

Contattaci

{{BCD.lang.thisFieldIsRequired}}
{{BCD.lang.thisIsRequiredAndEmailValid}}
{{BCD.lang.thisFieldIsRequired}}
Acconsento al trattamento dei dati personali

Cerca sulla mappa

Cerca sulla mappa

Torna all'inizio
X