Le novità 2021 sul bonus ristrutturazione alberghi

21.08.2021
-

Tra i molti bonus in vigore che interessano il settore dell’edilizia, c’è anche quello per la ristrutturazione di strutture ricettive. Il cosiddetto Bonus Alberghi, istituito per la prima volta a partire dal 2015, ha subito nel corso degli anni significative modifiche fino ad arrivare alle ultime estensioni all’applicazione dello stesso introdotte nel 2020 e alla proroga al 2022. Si parla inoltre della possibilità di un’ulteriore semplificazione del provvedimento e di un innalzamento del credito di imposta previsto. 

Bonus alberghi: cos’è e come funziona

Il Bonus ristrutturazione alberghi consiste in un credito di imposta del 65% delle spese ammissibili sostenute per un importo massimo di 200mila euro in regime de minimis. A poter richiedere il beneficio sono le strutture turistico-ricettive e alberghiere, gli agriturismi, gli stabilimenti termali, le strutture ricettive all’aria aperta ad esempio campeggi e villaggi turistici. Gli interventi agevolabili sono quelli di:

  • ristrutturazione edilizia di cui all’art. 3, comma 1, lettera b), c), d) del DPR 380/2001
  • eliminazione delle barriere architettoniche
  • incremento dell’efficienza energetica
  • adozione di misure antisismiche
  • acquisto di mobili e componenti d’arredo

Inoltre, per gli stabilimenti termali, son, ammesse le spese sostenute per la realizzazione di piscine termali e per l’acquisizione di attrezzature e apparecchiature necessarie per lo  svolgimento delle attività termali.
Gli anni di imposta ai quali si estende il Bonus Alberghi sono 2020, 2021 e anche 2022 grazie all’ulteriore stanziamento di 100 milioni di euro previsto dal decreto Sostegni bis
Condizione per non perdere l’agevolazione è che il beneficiario non ceda a terzi né destini a finalità estranee all’esercizio di impresa i beni oggetto degli investimenti prima dell’ottavo periodo d’imposta successivo a quello di effettuazione della spesa agevolata. Altri elementi in merito al bonus devono ancora essere fissati, tra questi anche la modalità di presentazione delle domande che in passato è stata quella del click day. A sciogliere nodi e dubbi ancora esistenti sarà un decreto attuativo che si presume in imminente uscita. 

Storia e prospettive del Bonus Alberghi

Il Bonus Alberghi è stato introdotto per la prima volta nel 2015 fissando il credito di imposta al 30% della spesa. Nel 2017 la quota è stata innalzata al 65%. Nel 2020 il decreto Agosto ha esteso il beneficio anche agli agriturismi e alle strutture termali. Oggi si parla della possibilità di incrementare ulteriormente il credito di imposta, portandolo all’80% della spesa agevolabile, e di semplificare in modo importante le modalità di richiesta e ottenimento della misura: provvedimenti che si attendono per i prossimi mesi.

{{BCD.lang.thisFieldIsRequired}}
{{BCD.lang.thisIsRequiredAndEmailValid}}
{{BCD.lang.thisFieldIsRequired}}
0 - 1 anno 1 - 5 anni Oltre 5 anni
{{i + 1}}. {{f.name}} ({{f.size}} bytes)
Acconsento al trattamento dei dati personali

Cerca sulla mappa

Torna all'inizio
X